Visite

domenica 15 settembre 2013

Qualche luglio fa......Corsi e ricorsi non di sola corsa.


...avevo corso l'annuale - classicissima  -  podistica della sagra di S.Anna,..
(l'ultima prima della ALBERTO RACE di venerdì scorso)
..era la fine di luglio del 1995,...
...una serata a combattere con afa, zanzare e un percorso breve e velocissimo:
Piazza Monza, Via Monte Verena, Via S.Fosca, Via 4 Novembre, Piazza Monza...
...quattro giri in apnea.
...
Per me e le mie umili caratteristiche di runner era una vera follia
- 6 chilometri attaccato alla più classica canna del gas -
...
ma riuscii a sciropparmi decorosamente quella ventina (poco più) di minuti
soprattutto per far contento papà Sergio
che era uno degli organizzatori della bella manifestazione.
Da quell'estate decisero che non si sarebbe più disputata,..
..e non ho mai capito il motivo di quella insensata decisione.
...
Passai la notte in bianco causa adrenalina alle stelle e
causa il pensiero della levataccia che mi ero imposto per la mattina successiva:
destinazione Rifugio Lorenzi (Dolomiti di Sesto).
..
Partii prima dell'alba e raggiunta la zona di partenza
( in prossimità del Passo Tre Croci) prima delle alle 8.00,
infilai zainetto e scarponcini da trekking.
Decisi che usare i sentieri convenzionali (o la Ferrata Ivano Dibona) era troppo banale
- bellissimo sentiero attrezzato peraltro già conosciuto un paio d'anni prima -
e quindi mi misi in testa di arrivare ai 3000 metri del Lorenzi
salendo il funambolico ghiaione stronca gambe che (dopo una prima parte di itinerario semplice)
 da località Son Forca (2200 m) portava al suddetto rifugio.
..
La cartina che avevo consultato prima di partire non menzionava neppure
il sentiero che avevo deciso di seguire,....
..eccezion fatta per la presenza di alcuni
puntini quasi invisibili che seguivano il percorso dell'ovovia che
conduceva alla (quasi) sommità del Cristallo.
....
"Farò una sana salita,...tanto non mi perderò di certo.
Finita la salita e finita la cabinovia
....c'è il Lorenzi.
E che ci vorrà mai...."
...



L'ascesa,
grazie alla notte insonne
- e ad una serie di foschi pensieri relativi a traversie sentimentali
che turbavano quel periodo della mia vita -
si rivelò dura oltre ogni previsione e impiegai più tempo di quanto pensassi
a guadagnare la quota prevista.


Ma riuscii nell'intento di arrivare lassù e vi rimasi tutto il giorno a riposare e a leggere
("Come il mare", Wilbur Smith).
I pensieri rimasero un filo agitati (ma nemmeno tanto) e la bellezza estasiante
di quel meraviglioso tramonto a 360° sulle Dolomiti
- unitamente a qualche goccetto di buona grappa, alcune infuocate partite a carte
 con amici d'occasione
 e una chitarra saltata fuori come d'incanto -
mi regalarono una serata - e una notte - estremamente riposanti
e dal valore tutt'ora quasi inestimabile.

 



La mattina successiva affrontai ( in salita e poi in discesa) la ferrata Mario Bianchi
dopo di cui, riguadagnato l'angusto ma suggestivo spazio occupato dal rifugio Lorenzi,
mi lasciai sedurre dalla comoda bidonvia per tornare alla macchina parcheggiata qualche migliaio di metri più in basso.



Ho caldeggiato ad un amico questa bella escursione
- giusto l'altro pomeriggio -
e la mente stasera è volata a quella due giorni davvero molto particolare.
....e mi auguro che l'amico apprezzi il consiglio.

Lunedì mattina ne saprò di più.

Statemi bene.




4 commenti:

Anonimo ha detto...

ultratrail....
mizzica....quasi quasi....
c'è movimento nella mia testa e voglia di trasformazione...mah!?!
i tuoi racconti fanno sognare. Grazie Capricorno!

edoardo.gasparotto ha detto...

Pensaci seriamente, anonimo.
Da qui alla ripresa delle mie corse, racconterò alcune altre "strambe solitarie".
Chissà,...magari diventerai davvero un/a ultratrailer di tutto rispetto.
Why not ?
Ciao e grazie.

Anonimo ha detto...

ton yhw?...
rimango scettica per l'ultra sforzo fisico....ma se penso a cosa spingiamo il cervello ogni giorno...pazzi???

edoardo.gasparotto ha detto...

Se inizi a traslare fatiche mentali in serene fatiche podistiche...sei sulla buona strada.
Perché no ?