Visite

domenica 30 marzo 2014

Un grimaldello da Feltre.

Il lupo si é dimostrato un vecchio amicone-compagnero 
e stamane sulle strade della Belluno-Feltre Run
me ne ha data l'ennesima riprova: 
niente disastri, niente imprevisti, niente zone grigiastre....
...solo roba buona, positiva e dalla potenza estrema.


Si,..si,...okay..la corsa era molto importante per capire dove stessi andando,.
...però oggi "ballava" anche qualcos'altro oltre all'attendibilità della mia schiena,....
...vale a dire la capacità e la messa in discussione della voglia di continuare a provarci.
Nella corsa come nella vita,...
..un binomio indissolubile,....
..o quasi.
Ma i discorsi porterebbero a distanze siderali e non ho il tempo
per vagare per gli emisferi della mente e per fare ragionamenti in 4 dimensioni...
Ci sarà tempo e modo.

Stasera in realtà dovrei solo incollare _QUESTA CLASSIFICA INCREDIBILE_
e andarmene a letto.
.....
E' stata una buonissima giornata da dove ho ricavato solamente buone emozioni
e un bel pò di carica esplosiva
(no,......niente dinamite o detonanti miscele)
che mi auguro possa servire a breve.


Tecnicamente parlando (la materia a me più lontana in assoluto) l
a mia corsa di 30 km tra il capoluogo bellunese e l'affascinante Feltre,
é stata un mezzo capolavoro..
Non so se sia merito mio o se sia frutto solo di una serie di fortunate coincidenze...
resta il fatto che sono partito (assieme agli altri 510 classificati) da Belluno
e sono arrivato di corsa (tutto intero e sulle mie gambe) a Feltre,..appunto.
...
E qui potrebbero scorrere già i titoli di coda con fiumi di lacrime di commozione che scendono...
...ma sarebbe banale ed insulsamente ipocrita.


Ho trovato molti amici/compagni di squadra alla partenza e l'ora e mezza trascorsa insieme
prima dello sparo ha rappresentato per il mio umore un buon 50 % dell'evento in toto
(grazie ragazzi !!!)
....
...il cuore mi si é scaldato a dovere e le gambe non potevano che fare altrettanto.

Non conoscevo il tracciato (molto molto bello) e non avevo idea di come gestire forze
e condotta di gara lungo i 30.000 metri bellunesi...
- non sapevo nemmeno se li avevo nelle gambe -
...
ma tutto é andato come meglio davvero non sarebbe potuto andare.
Non ricordo esattamente i passaggi cronometrici sui vari tratti
(andate al link soprastante della classifica e ribaltatela)
ma rammento di essere stato bene e di avere corso sempre in buona spinta
...badando (come non mi accadeva da molti anni) a mantenere nel serbatoio
una dose supplementare di benzina......quella del "non si sa mai"
(un giorno ve la spiegherò..)

...
......e dopo un sacco di tempo (e di corse) in cui mi ritrovavo alla fine ad arrancare,
oggi al chilometro numero 26 ho buttato giu' tre denti della catena ed ho corso gli ultimi
4000 metri in 15 minuti e 40 secondi.
....
Lo so,..lo so...i numeri sono per gli psicopatici,....
....ma se siete qui a leggere cosa pensate di essere ?


Scherzi a parte,...sono veramente stato bene e mi é riuscito anche di andare un pò
in progressione transitando al traguardo (30 km) in 2 ore e 3 minuti esatti.

E scusatemi se chiudo brutalmente qui il post,...
...
ma devo assolutamente andare a leccarmi i baffi.


Ho un paio di novità da raccontare
- una buona e una molto fastidiosa -
ma sarà di certo per la prossima volta.
...
A presto, statemi bene.

sabato 29 marzo 2014

Il lupo, il sogno e il grande Slam

Pronti,...partenza....


Mah......il dubbio mi assilla.
 
Speriamo almeno sia un lupo mansueto...

...
.. e che lasci galoppare i sogni: 
il grande Slam potrebbe essere ogni istante.....
.. ce l'ho ben presente.
...


A domani.

venerdì 28 marzo 2014

L'asticella sospesa e una BellunoFeltre Run: VAMONOS !!!

Il 3 maggio dello scorso anno la mia vita ha preso un altro manrovescio e 
- pur essendo solo un'insulsa barzelletta rispetto al dolore autentico e più enorme dell'universo  - 
da quel momento alcune prospettive sono cambiate. 
Forse poche ma importanti e, tralasciandone volutamente alcune, quelle riguardanti la corsa sono senza dubbio tra le più suggestive. 
Scrivo usando l'indicativo presente come tempo verbale perché anche se sono passati quasi 11 mesi da quel venerdì pomeriggio "neurochirurgico", ..continuo a sentirmi in fase di riassetto fisico e mentale.

L'obiettivo numero 1 era tornare a stare bene, quello numero 2 era riprovare a correre (dopo 100 giorni) e quello numero 3 era ritornare a correre nel modo migliore possibile.

Interrogativi come se piovesse..

Continuando a toccare ferro, per ora ogni anello di questa strana catena ha agganciato perfettamente quello che lo precedeva e anche quello successivo.
Buona sorte ? Destino favorevole ? Un caso ?
Non so....

Potrei già accontentarmi dell'oggi ...(e sarebbe un ottimo risultato) 
ma...



... poi sono accadute cose strane, ho fatto incontri impossibili, ......ho intrapreso traiettorie impensabili,...
e addomesticare i cavalli della passione non é diventato per nulla facile e ancora meno agevole. Nel complesso credo di avere fatto un discreto "lavoro" di contenimento e sono qui a ragionare su una possibilità in più che mi é stata concessa non so da chi e come mai.

ALBERTO  RACE 
(e tutto quanto l'ha fatta nascere) mi ha dato un altro punto d'appoggio e un (bel pò) ha mutato il modo di caricare la mia arma salvavita: l'asticella dei miei sogni si é alzata un altro pochino.
Ci ho messo del mio,.....ma anche no.

La Belluno-Feltre Run (30 o 31,1 km devo ancora capirlo...) sarà (l'ennesima) prima autentica prova di "tenuta" che entrerà nel mio personale processo di andare avanti ...ancora una volta...
Pensare che quella bellunese sia solo una tappa di avvicinamento alla maratona di Padova del 27 aprile 
é vero ma solo in parte: 
la maratona di "S.Antonio" é (a suo modo) una parte di me e prescinde da ogni altra corsa e/o stato di forma. 
Padova é una specie di "centro del mio mondo",...é dove Alberto ha combattuto e dove si é svolta la guerra più maledetta,......
.e non lo dimentico un solo attimo.

Separare cuore, ragione, istinto, tensioni e stanchezze (....le stanchezze  in realtà non esistono,...) 
é praticamente impossibile e per questo tutto risulta altamente infiammabile ed esplosivo.
Verrebbe da scrivere....."Tenere lontano dalla portata dei bambini e dei pazzoidi"....ma...

Ma che ?

Punto e vai.


L'allenamento di mercoledì pare essere stato bene assorbito da muscoli, schiena e tendini vari e sta aggredendomi quella feroce voglia di sentire l'amico asfalto scorrere sotto ai piedi. 
E' una sensazione straordinaria e banale allo stesso tempo ed essere compreso solo in parte 
rientra nelle possibilità......
...ma pazienza,..


......se riuscirò a passare oltre alla divorante curiosità che mi attanaglia,...


..forse tornerò da Feltre con un'altra storia da raccontare.


Statemi bene,...a molto presto.


mercoledì 26 marzo 2014

La tripletta di Persefone: uno spuntino very special.

E' da un pò che non metto il naso nei numerosi spazi web vocianti di notizie/cronache varie...
..e volendo dare una spiegazione a questo (quasi) bizzarro atteggiamento, non mi é difficile
farlo risalire ad un' atavica forma di repulsione personale verso @_chiacchere inutili,

Molte volte, ahimé, é meglio fare gli struzzi..
.. anche se é una possibilità di scelta solo temporanea.
Giusto così, no ?


Di questi tempi preferisco lasciare galoppare l'istinto animale e affidarmi
alla magia rinvigorente della corsa e i dei suoi fratelli (...).
Poco importa se lungo la settimana che mi condurrà
in terra bellunese a correre domenica 
si intrufola tale _Persefone_ perché comunque
fra quattro giorni a Feltre sarà una giornata 
- meteorologicamente -
perfetta....
...
..con buona pace della fascinosa mangia-melograni


Stasera avrei una montagna di cose da raccontare ma, tanto per variare il tema,
il tempo é più tiranno del solito e me la sbrigherò con quattro numeri e altrettante immagini.
...
Dopo la splendida corsa di domenica passata (chapeau a Remo L. e a chi c'era),
lo sguardo e la mente sono già andati oltre e oggi mi sono ricimentato
 in una (spero intelligente) serie di ripetute 
 - 3 x 4000 metri -
come non mi accadeva da oltre un anno
(ritmi buoni, tensione giusta e gamba sufficientemente lesta).
Il risultato mi ha soddisfatto e, in attesa di avere il responso della schiena-canaglia,
metto nella cartuccera un allenamento di buono spessore atletico e 
ottimo spessore umorale: il resto della giornata non era stato per nulla entusiasmante
e sparare sull'asfalto quattro sani chiodi al cianuro 
mi é sembrata un' alternativa adeguata per sbollire nervosismi 
e fare una terapeutica scorpacciata di endorfine benefiche.
Speriamo in bene....


..capita poi di andare in giro a fare commissioni impreviste e di ritrovarsi in mezzo
a una mezza bolgia tra amici visti molto e visti molto poco,......
..ma pur sempre amici e per questo dispensatori di sane pillole di vitale umanità.
Niente pozioni magiche e nemmeno rivelazioni salvavita....
...qualche riflessione e altrettante rigeneranti risate.
Un bicchiere- no alcool - e via.

Chapeau alla Freccia dei Balcani: ti aspetto all'arrivo
di ALBERTO RACE non oltre i 26'30''.
. . .
(Ciao, Suad, alla prossima !)


...ed infine, mentre la giornata va a buttarsi sul suo riappacificante giaciglio,
arriva il momento di dare un'occhiata a studio, pensieri, 
riflessioni, progetti e profili altimetrici...


...
Per oggi, probabilmente, basta e avanza.



Statemi molto bene.

lunedì 24 marzo 2014

Week end a cannone: l'assalto a Feltre é appena cominciato...

Talvolta succede che le imbottiture delle settimane siano talmente abbondanti che i giorni
esplodano su se stessi senza quasi fare rumore.
Le ventiquattr'ore giornaliere 
diventano facilmente ventisei o ventisette e il sole tramontante
finisce con il baciare (o quasi) l'astro del giorno successivo
senza essere praticamente andato a dormire.
Tutto ciò per definire come anche la settimana scorsa
- come accade da troppi mesi -
mi abbia masticato vivo.

Niente prigionieri.


Preparare e presentare decorosamente (sabato scorso) 
la chiusura della mostra CRISIS
- organizzata dall'amica Erica e i suoi colleghi artisti -
non é stato facile e nemmeno scontatamente banale.
...
Al di là del principale aspetto relativo al contenuto di
solidarietà e coinvolgimento alla problematica delle
malattie oncologiche nei bambini, ho dovuto fare i conti con spinosi
"dettagli" tecnici, tattici e soprattutto emozionali.

Ogni volta che parlo di ingiustizie, malattie 
e ricordi disgreganti ancorati all'anima....
é sempre come se fosse la prima volta.


Tutto sommato l'incontro dell'altro pomeriggio si é rivelato
per quello che doveva essere,...
e cioé un'ora agile il giusto, densa di significati e incitante alla fiducia
in quello che il futuro riserverà alla ricerca scientifica
e alla vita di noi tutti.

Sperare in bene si sa,.....é gratis e attizza le braci del cuore.
Talvolta può salvare la pelle.

L'incontro al centro Arnaldi di Dueville sarebbe stato
 quasi un piccolo successo
se solo fosse stata un pò più affollato..
Non nascondo un pizzico di delusione per la poca affluenza
- sarei un ipocrita ad essere super felice -
...ma è andata così e non ha gran significato rimescolare la pentola.

Ringrazio coloro che hanno speso il proprio tempo
per vedere ed ascoltare storie e riflessioni non nuove 
ma che non mi stancherò mai di rimandare in circolo...
...
..mentre aspetto tutti (ma proprio tutti)
alla serata di presentazione ufficiale di 
ALBERTO RACE 2014
- venerdì 11 aprile, ore 20.45, Oratorio "S.Maria", Dueville -
perché sarà un evento condito da ampie prefazioni inerenti 
la corsa, la salute, l'arte e la solidarietà..
..che coprirà il tutto.

Ci sarà anche da divertirsi.


L'alba di ieri é sopraggiunta abbastanza leggiadra e un "filo perfida"
(con tanto di acquazzone incorporato)
a trascinarmi verso Malo dove avevo in previsione di correre la
 1^ Edizione della Dieci Miglia Maladense
QUI_ la classifica -
gara organizzata dal caro Remo L. e i suoi amici runner's
(complimenti Remo,...sei fortissimo anche come forgiatore di eventi 
oltre che come ultra maratoneta..).


E anche ieri, come domenica scorsa in occasione della StraVicenza,
la ciurma arrembante verso la zona  partenza,
era costituita da Enrica, Roberto (alias Hoppy) e da Salvatore che 
hanno contribuito a fare in modo che la mattinata diventasse una festa
a partire dalle 7.15,.....molto prima dell'inizio della
bagnata competizione podistica:
ovvero,....quando la "gara" diventa quasi un accessorio al dirompente 
entusiasmo di amici gagliardi, piacevoli e affamati di divertimento e conciliante fatica.

Non avevo mai trotterellato sulla distanza dei 16 km e rotti
e il fatto in sé mi incuriosiva.

Dopo alcuni mesi dall'ultima occasione
(17 novembre 2013, maratonina dei 6 Comuni)
ho cercato di disegnare traiettorie perfette per la mia socia di corse Sabrina....
...
..in quanto al risultato raggiunto dovreste chiedere a lei com'é andata.
(eheheheheheh....)


Pioggia a tratti battente, pozzanghere grandi come laghetti alpini e
 stradine fangose modello sabbie mobili cambogiane..
hanno condizionato la corsa di tutti i runner's..trasformandola
- di fatto -
in un cross lungo dal sapore unico e straordinario.
Da rifare senza indugio.

Come al solito mi sono divertito a correre, salutare i molti amici (prima-durante-dopo) e a
meditare sui prossimi appuntamenti con le scarpette ai piedi.

Sabrina, 4^ atleta donna ad oltrepassare il traguardo, é stata ferocemente splendida
(nonostante la sua condizione sia in progress dopo alcuni malanni fisici)..
...così come lo sono stati Salvatore (l'Indomito), Hoppy ed
 Enrica a
cui riservo una citazione particolare per la determinazione e per i rapidi e tangibili
progressi che sta inanellando di competizione in competizione...
...
Direi che accendiamo un gran bel  
OH  YEAH  aggiungendo pure un augurio
di continuare su questa strada senza troppe ansie da prestazione agonistica:
il talento e la passione pagano sempre.




Abbasso i giri del motore e sbatto fuori il carrello.....
...
..vado a fermare 'sto post che in realtà sarà un unico groviglio
di pensieri, affari da sistemare, grane assortite
prima di domenica prossima.
Perché ?
...
Perché la Belluno-Feltre_ non può più attendere
e perché dovrebbe essere il cannone ideale verso la Maratona prediletta_# ...
diretta in Prato della Valle, Padova 27 aprile,....

Già,....perché qualche volta 
il quasi impossibile si può avverare.


Statemi bene,...a molto (molto) presto.

mercoledì 19 marzo 2014

Dinamite e nostalgia.

"Se sei arrabbiato perchè nel traffico ti sei stancato,
caro papà riprendi il fiato....
..il mondo é bello ma un pò affollato.
Caro papà, se sei un pò teso
e il lavoro ti sembra un peso,
tu pensa sempre che sei nel mio cuore e
ti voglio bene a tutte le ore."

- Rachele -


...
A papà Sergio tutto il mio nostalgico e denso ricordo
di uomo e padre meraviglioso, ..di uomo buono ed esempio perenne di onestà e rettitudine.
Un privilegio esserne figlio,
ora e sempre.

Ciao papà.




lunedì 17 marzo 2014

Supersonica(mente) StraVicenza (con scia)...

Poche righe,..tanta fretta,...tanta roba da fare e scrivere e
leggere e pensare e...


La StraVicenza 2014 é andata dove, come, quanto e quando..
..doveva andare.
Anzi,..da essere la corsa da me più detestata in assoluto
è diventata una manifestazione quasi piacevole e luminosa,.....
..quasi da non perdere.
...
Ho realizzato l'allenamento che avevo disegnato nella mia ormai sfasciata testa
 - con i 10 km della gara incorporati -
e, per una volta, il viaggio in auto verso il capoluogo berico é stato di sola andata
mentre il ritorno é scivolato via sgambettante
lungo la romantica e profumata
strada statale Marosticana.
Aromatizzata con idrocarburi e altre salutari miscellanee.
...
Mah,.....
...se non fosse che sono arrivato a casa tutto intero
e che tre "pattuglie" automunite di amici podisti mi hanno 
allegramente strombazzato (rincuorandomi)
sulla via di Dueville
potrei scrivere che la SS n°46 é veramente una tratta da evitare
soprattutto a piedi
(ma non credo di rivelare 'sta grande novità).


Ma ieri mattina c'era moltissimo altro a cui pensare: 
la piacevole compagnia di amici di viaggio (breve),
il compleanno di Roberto (alias frate Hoppy), la perennemente cosmica bolgia di compagni
de La Fulminea Running Team,...
...
e altre svariate migliaia di runner's di tutti i tipi, colori e provenienze.
Insomma,...uno spettacolo.
...
Sui particolari tecnici e organizzativi sorvolo leggiadro perché come al solito
ciò che mi é rimasto é stato solo il calore di coloro con cui ho corso, con cui ho chiaccherato, riso e scherzato.
Abbiamo inaugurato ufficialmente le nuove canotte giallo - nere 
sulle quali é incastonato il logo della 
Fondazione "Città della speranza" 
....
onlus con cui La Fulminea Running é solennemente gemellata
dallo scorso dicembre..
...
Spendere parole su questa notizia sarebbe come affondare
un coltello arroventato nel mio cuore di burro
e non mi va.
Non stasera almeno.

Stasera lascio andare le emozioni dentro al cuore di chi c'era
e anche di chi non c'era materialmente 
ma che fa parte della meraviglia Fulminea 
(e non solo).

Ho corso bene, ho macinato nel complesso 24 chilometri a ritmo soddisfacente,..
ma questi continuano ad essere solo inutili e noiosi dettagli.


Super complimenti agli amici partecipanti 
all'UltraBericus 2014.

A presto.

E grazie ancora.

sabato 15 marzo 2014

Una StraVicenza a modo mio.

Alla fine farò quello che avevo quasi giurato
non avrei più fatto nella corso della mia vita di misero podista....
..
..e cioé correre un'altra edizione della StraVicenza.



Ma si sa,...la vita compie mille piroette strane e imperscrutabili
e quindi farò di necessità virtù cercando di portare a casa
allenamento, soddisfazione e pelle
anche perché ci sarà poi tutta una domenica
da vivere alla grande.
Anzi di più...


Il pensiero corre agli amici che in questo momento stanno 
correndo la splendida
ULTRABERICUS
e non posso non sentire nuovamente un filo di dispiacere
per la mancata presenza a questa edizione
nella sezione TWIN o Lui & Lei che dir si voglia...


..ma come scrivevo ieri,..
é abbastanza inutile arrabbiarsi e pensare a ciò che poteva essere
 e non é potuto accadere
 anche se il fastidio rimane.

Sono certo che la scelta di rinunciare alla fatica del trail berico
avrà una ricaduta positiva sulle mie avventure podistiche del prossimo futuro.
...
Ma intanto penso all'immediatezza della corsa domenicale con tanto di prolungamento
 e penso ad una canotta gialla con un logo bellissimo da onorare:
domani e sempre.

Fateci caso...
...il vero EVENTO sarà portare questo
simbolo magico durante le corse di ogni genere
e ovunque.

Grazie ragazzi/e.


Buona domenica a tutti,...a presto.



venerdì 14 marzo 2014

Una StraVicenza con la scia ? Oh yeah !

Se potessi fare il boscaiolo delle ore di sonno vaporizzate
(per buoni fini o per lavoro)
e radunarle tutte sulla stessa radura
potrei serenamente prevedere di accatastarne migliaia di metri cubi...
...
..roba da scaldarsi per tutto un inverno da castigo.


Ma non sono un boscaiolo (in genere) e tanto meno lo sono
delle mie (ex) ore di sonno andate a farsi benedire
per cui utilizzerò altri metodi per riscaldare il prossimo inverno
che peraltro - ne sono certo - sarà tiepido e soave.

Quasi riassestati muscoli, tendini e sporgenze scheletriche 
camuffate da lombalgie da spavento,
l'ultima settimana é rotolata via scaltra e spumeggiante
complice un meteo finalmente favorevole e splendido
(mi verrebbe da scrivere incredibile...)
che ha decisamente rasserenato spirito e ossa.
Inoltre, dopo che il _#_buon Matteo_ ha promesso
che a breve ci farà diventare tutti ricchi sfondati,
mi pare logica conseguenza affermare senza indugio
che il momento storico é senz'altro uno dei più fantasmagorici
degli ultimi decenni.
E non se ne abbia a male
il mio "amico" _Joker (is back ?)_ se i suoi (troppi) anni
paiono lontani anni luce:
magari sarà anche questa una chimera da circo 
ma almeno é la prima volta che la assaggiamo,..no ?
...
Nel frattempo,...cercasi _modesta sistemazione per_ 
Joker pregiudicato ancora a piede libero
(sarebbe ora o sbaglio ?)


Ma come ben sappiamo
 la realtà é solamente un'apparenza
e come tale andrebbe considerata e vissuta
(ma per carità,....non é orario da filosofie estreme)
e che ciascuno la pensi come meglio crede
(io, comunque, qualcuno lo manderei a spaccare pietre
anche se pare sia diventata una metodica 
fuori moda e obsoleta.......).

Mah,.......


Ritornando ad argomenti (estremamente) seri...
......
i (troppissimi) fronti su cui mi sto scalmanando da alcuni mesi
contribuiscono a tenere accesa la mia (fievole) attività mentale.
E' un pò un vivere costantemente con gli occhi aperti, 
il motore acceso, la cartuccia (a salve) sopra il comodino e le scarpette 
da corsa ben allacciate ai piedi.
Non é uno stile di vita da pazzoide
- forse (forse) un filo faticoso e talora asfissiante -
ma molto stimolante e generatore di
profumatissime esalazioni tanto importanti
per la salute dell'anima.
...
Il corpo é quello che é,....
e il massimo risultato ottenibile sarà riuscire
a tenerlo tutto intero fino a metà giugno.
Poi si vedrà.


Striscio veloce sul mio _affascinante (EX) impegno X_ e 
plano docilmente sul prossimo fine settimana 
che oltre a tante chiacchere sarà lastricato di chilometri, colori
e (mi auguro) la giusta dose di sorrisi e serenità.
Sarà di certo un week end che poteva andare
molto diversamente visto che il mio/nostro 
(mio e di Sabrina)
si trasformerà in un qualcosa di molto alternativo
ai (31 + 34) chilometri fuori strada previsti nelle intenzioni.
...
Anche se non mi piacciono un granché né la formula e nemmeno il _@_tracciato_,
domenica mattina correrò sulle strade del centro cittadino di Vicenza
la StraVicenza 2014_ ....cercando di farmi andare bene
i 10 chilometri della corsa berica per organizzare un allenamento
fuori dai miei usuali schemi.
...
Forse imposterò la gara a velocità di crociera
oppure taglierò il traguardo in preda a visioni mistiche..
..
resta il fatto che il senso della mattinata sarà soprattutto
quello di tornarmene a casa da Vicenza utilizzando
(ancora) le gambe e ringraziando il caro amico (Hoppy e chi altro ?)
 con cui sarò andato alla partenza comodamente seduto in auto.
Ne dovrebbe uscire un 23-24 chilometri complessivi
che spero siano una miscellanea di divertimento, fatica e novità.
E significato atletico.

Mannaggia,...'sta UltraBericus però......
..mi resterà sullo stomaco almeno altri dodici mesi.


Ma l'unica cosa davvero seria di questo post a cavallo di ieri e oggi
(....)
é il sincero ringraziamento che voglio rivolgere a tutti coloro che hanno
permesso lo svolgersi della serata pro-Fondazione "Città della Speranza"
tenuta poche ore fa in via Maddalene (Vicenza)
e a cui ha preso parte uno splendido gruppo di organizzatori
(Silvia P. in primis) e di amici sostenitori.
...
Avanti così,....non si molla di un solo centimetro....


Mille grazie,...a presto.

sabato 8 marzo 2014

Ripartenza dall'arsenico ? Why not ?

La sensazione di chiodo arroventato piantato nella parte sinistra del mio fondoschiena
ha avuto una sequela di accadementi collaterali di tutto rispetto.

Quella che stavo pregustando essere una (pur impegnativa) cavalcata verso l'attesissima
si é rivelata essere - in pochi giorni - un'ingannevole ed inaspettata chimera,...
franando sui fastidi e le titubanze del mio traballante fondoschiena.


I dolorini avvertiti una decina di giorni fa 
- nei territori limitrofi alla zona esplorata dall'amico
neurochirurgo (di bisturi armato) 278 giorni fa -
si sono rivelati piu ostici del previsto costringendomi a riposo,
consulto medico-specialistico e (prudenziale) rinuncia/variazione
dei miei prossimi/imminenti programmi podistici.
...
"Stai tranquillo, la tua schiena é a posto. 
Cerca di non sovraccaricarla
eccessivamente ed evita salite, discese e terreni sconnessi per un altro paio di mesi "
 - mi ha sibilato il bravo specialista di ammortizzatori umani -
"...comunque abbiamo fatto un buon lavoro e a breve sarai al 100 %.
Porta un pò di pazienza: ti avevo detto che avresti impiegato un anno
per tornare quello di prima,.....te lo ricordi,....vero ?"
 ...
E' stata una discussione senza diritto di replica 
che sotto un certo profilo avrei preferito non affrontare..
..ma sotto altri aspetti mi ha invece rassicurato:
si é ripetuta l'eterna novella del bicchiere inevitabilmente
mezzo pieno.


Peccato,...peccato davvero.......peccato anche perché con Sabrina avevo
insistito io sin dal termine della passata edizione 
nel ripetere quest'anno l'avventura (stratosferica) del 2013.
Pazienza,...vorrà dire che ci rifaremo in qualche altro trail o 
alla prima Maratona di S.Antonio possibile.....
.....
e cioè quella del 27 aprile.


Bah,...comunque é abbastanza inutile star qui a rimescolare la pentola dei
 se e dei ma
....
meglio pensare a quel che verrà senza rimaneggiare maniacalmente
disguidi e scivolate che oltretutto erano ampiamente preventivabili.
...
Nonostante la profonda delusione patita, questi tre-quattro giorni di bel tempo
sembrano aver contribuito alla ricomposizione del mosaico che dal 3 maggio 2013
cerco di rimettere in ordine:
saltata l'UtraBericus vorrà dire che farò (quasi) l'impossibile
per correre la Belluno - Feltre (30 km) in programma 
domenica 30 marzo
(e a cui, a scopo propiziatorio, mi sono già iscritto).
...

Ma la settimana appena trascorsa ha trascinato con sè
un gran matassa di accadimenti
che spesso mi hanno costretto a ricorrere alla magica arte 
di creare tempo e spazio laddove questi erano esauriti.
...
Numero 1...ho mandato in archivio (con successo) il pesantissimo
Modulo 4 del Master che sto seguendo da ottobre scorso:
adesso me ne restano altri due da macinare entro fine estate.....
...
e credo che, tutto sommato, in qualche modo la cosa si possa fare....



Numero 2.... il mio non più tanto misterioso
_impegno politico-etico e quant'altro.. mi sta facendo scoprire una
dimensione nuova e - pur in ambito paesano - tutta una serie di
problematiche, difficoltà e stranezze ...che fino a poche settimane fa
ignoravo quasi completamente.
Mi piace sfidare ciò conosco poco, provare a fare qualcosa di sensato,
e l'odore della prova racchiude sè un aroma inebriante e incendiario
- in senso spirituale s'intende -
...
Saranno un paio di mesi e mezzo (comunque) da assaporare e durante i quali
cervello, buon gusto e rispetto a tutti i livelli
(e in ogni ambito)
dovranno costantemente essere allo stato massimo di forma.
...
I duevillesi che domenica 25 maggio voteranno 
faranno di certo la scelta migliore,....ne sono convinto.

Poi sarà quel che sarà.....


Ma di stregonerie assortite da raccontare 
 stasera ne avrei mezzo libro
ma non so quanto reggerò (integro) sui tasti del pc.


Impegni "BASIC" a parte,
i prossimi 40 giorni saranno costellati da una
 serie di serate - incontro
in cui con abiti diversi ed argomentazioni multiple
avrò modo di prendere parte per discorrere di solidarietà, sport
e qualità della vita.
La Fondazione "Città della speranza" sarà quasi costantemente
il perno dei ritrovi ma - almeno per quanto mi riguarda -
ogni evento racchiude (e continuerà a racchiudere) in sè
il seme dell'assoluta originalità ed esclusività.

Giovedì prossimo - 13 marzo -
presso la sala parrocchiale di Maddalene 
(quartiere periferia Nord ovest di Vicenza)
l'amica Silvia P. ha organizzato una due ore per sensibilizzare
quante più persone possibile attorno alla (purtroppo) sempre viva 
problematica dell'oncoematologia pediatrica: 
a tale evento sarannno presenti anche il Presidente 
della Fondazione onlus scritta qualche riga sopra e
 un ricercatore e.... (ne sono certo)
moltissime persone di buona volontà e dal cuore gigante.


Da sabato 15 a sabato 22 marzo poi,
presso il centro Arnaldi di Dueville
un manipolo di artisti ed esperti d'arte
- ma prima ancora personaggi sensibili e decisamente seri -
terrà una mostra d'arte dal titolo emblematicamente attuale
- "CRISIS" -
e nella quale varrebbe la pena entrare mentalmente per comprendere.
....
Che cosa significa Crisis ?
Cliccate QUI_ e vi si aprirà un mondo
che maneggiate tutti i giorni senza saperlo.


E che cosa c'entro io con questo appuntamento unico nel suo genere ?
...
Innanzitutto la vicinanza d'intenti e sensibilità con Erica B. curatrice dell'evento
e poi la vera trasfigurazione del titolo della mostra
che altro non vuol essere se non un momento di riflessione generale
su tutto quanto ci sta intorno, ci sfiora, ci influenza
e a volte prova ad affondarci.

Sperare di portare in porto la barca passando in mezzo alla tempesta peggiore 
é il senso della nostra permanenza su questo pianeta.

Occorrerebbe ricordarlo più spesso
e trarne le debite considerazioni.


Statemi bene e.... non mollate l'osso.

Alla prossima.