Visite

domenica 29 marzo 2015

1609 metri x 10: Die Show !!!

Il caro _Remo L. (& Co)
ha messo a segno un altro buon colpo della sua 
attività di sporting all-rounder 
(uomo di sport tuttofare)
e la seconda edizione della 
si é rivelata un successo al di là di numeri,
cronometri e altri aspetti squisitamente podistico-atletici.

Dopo una settimana contraddistinta da mille avvenimenti
- alcuni dei quali _a dir poco terrificanti_ -
quest'ultima domenica di marzo
mi ha consentito di esordire in una tipologia di corsa
sulla quale mi ero misurato solamente in un'altra occasione.

La bella manifestazione organizzata dalla 
A.S.D.Terzo Tempo
- in collaborazione con il Comune di Malo e
e i molti volontari delle associazioni presenti sul territorio
compreso fra Villaverla e Malo appunto -
ha visto partire 241 podisti e arrivarne 221
lungo un percorso di 16093 metri
giusto veloci, giusto stimolanti e decisamente divertenti.

A differenza dell'edizione del 2014 durante cui
tuoni, fulmini ed un nubifragio epico la fecero da padroni,
quest'oggi la giornata luminosa e la temperatura ideale
hanno materializzato una Dieci Miglia Maladense 
da promuovere a pieni voti:
organizzazione, assistenza, percorso
e contorno gara tutto ineccepibilmente a posto.

Arrivederci all'anno prossimo.


Da un punto di vista del significato agonistico,  
la 16 chilometri e 93 metri maladense non aveva alcun significato
ma ha costituito un altro ottimo allenamento sulla via 
che conduce alla _mia Maratona di primavera_ ,
maratona che fra quindici giorni sarà già entrata
nella bacheca dei ricordi e del mio vissuto podistico.
Ma non intendo certo fumarmi adesso l'attesa spasmodica 
e le "immancabili" paturnie
che contraddistingueranno le prossime due settimane,
quando allenamenti e invenzioni atletico-muscolari spariranno
per lasciare spazio a "congetture", pensieri e 
un'enorme rata di 
"ma, se e però".

'Poca roba' o 'tanta roba'....fate un pò voi.


Il borsino delle mie condizioni fisiche non é poi tanto male
ma lo spirito da faina selvatica e diffidente,
mi tiene alla larga sia da proclami che da previsioni di sorta:
mi auguro di riuscire a combinare un altro paio di uscite di
un certo tipo e poi di mettere nel serbatoio tutta la benzina
necessaria per arrivare 
- nelle condizioni psico-fisiche migliori - 
sul vialone _Coolsingel_ di Rotterdam e gustarmi 
un arrivo unico unico al mondo.

E quasi certamente l'ultimo.


Ma con mille altre cose e impappinamenti assortiti
- filosofici e muscolari - 
avrò modo di riempire le pagine virtuali di questo spazio
nei prossimi dodici giorni.....
....
cioè fino all' attimo prima che scatti l'operazione



















A presto e buona settimana a tutti.

venerdì 27 marzo 2015

Sognando The Netherlands

La primavera 2015 é esplosa in tutto il suo vigore tanto che per
gli allenamenti di ieri e mercoledì
sono tornato ad agghindarmi come a dicembre.
Potrei chiamarle.....
....prove tecniche di tenuta alle giunture operate...
e non sbaglierei di molto.
Da oggi forse il cielo regalerà qualche sprazzo di azzurro
e il meteo volgere al meglio.

E' una settimana balenga a cui non riesco "a prendere le misure",
sospesa fra impegni, riunioni, lavoro e allenamenti 
gravati da una sorta di tensione - "timore" di combinare stupidaggini
a così pochi giorni dalla _Maratona di Rotterdam_ 
che dista poco più di due settimane.

Strano avvertire simili sensazioni prima della mia
 quarantaduesima maratona....


La pazzesca ed impressionante tragedia dell'aereo schiantatosi
l'altro ieri sui monti della Francia meridionale
- e soprattutto della sorte toccata ai passeggeri del GermanWings
precipitato sembra per colpa della _follia suicida del copilota_ -
mi ha lasciato addolorato e sbalordito:
benchè la follia rientri purtroppo fra le componenti impazzite
della mente di ciascuno di noi,
é terrificante prendere atto che in ogni momento,
in ogni posto, in qualunque situazione....
...siamo in (quasi) completa balìa della
potenziale pazzia di qualcuno che ci é seduto accanto.

E quando ci sono tanti morti innocenti da piangere
il silenzio é la cosa migliore da osservare.

Anzi,....i silenzi andrebbero cantati dal profondo dell'anima.


Di corse e quant'altro racconterò nei prossimi
giorni, dopo l'alleamento di oggi e dopo
la bella _Dieci Miglia Maladense_ in programma fra due giorni
ed organizzata dal caro Remo L. e Co.
in quel di Malo.

Domenica 12 aprile con Rotterrdam da correre in lungo e largo
si stanno vertiginosamente avvicinando:
di colpi in canna oramai ne ho messi a sufficienza,
di elucubrazioni fisio-mentali-muscolari elaborate una valanga
e a breve verrò assalito da smania e curiosità
per le quali non sarò mai allenato abbastanza.


Vi auguro un sereno e rigenerate fine settimana.

A presto.

domenica 22 marzo 2015

Nordica(mente) StraVicenza: 23 pallottole per Rotterdam

Le (abbastanza pessime) previsioni meteorologiche
si sono rivelate assolutamente azzeccate e 
la 15^ Edizione della StraVicenza
si é svolta sotto ad una fitta e fredda pioggia
modello Nord Europa imbizzarrito.
 . . . 
La situazione climatica sfavorevole era ampiamente prevista
ma 10 chilometri sotto a vento ed acquazzone
non potevano in alcun caso spaventare i
1200 runner's lungo il tortuoso circuito
cittadino della podistica berica.

Per gli appassionati di classifiche ad ogni costo
_QUI_ la graduatoria generale della manifestazione.


Il "chisseneimporta" del cattivo tempo é stato rispettato
in toto ma, ad onor del vero, occorre scrivere che 
non é stato straordinariamente piacevole 
correre sulle (molto) malmesse strade 
del centro storico vicentino 
dribblando curve a gomito, sanpietrini e
 fondo sdrucciolevole.
Ma il tutto fa parte del gioco e "l'occhio al battistrada" riportato
su questo spazio appena ventiquattr'ore fa,
si é rivelato quanto meno veritiero.

Mi sono divertito quel che basta
(e anche di più) 
prima, durante e dopo la corsa soprattutto grazie 
ai sempre tantissimi amici-appassionati podisti di sempre
incontrati e salutati in Campo Marzio 
e lungo il tracciato della gara. 
Oggi il primo, il secondo e il terzo tempo ....si sono completamente miscelati 
e quanto ne é uscito é stato molto piacevole e simpatico....



...e ad essere sincero sino in fondo,
oggi le mie fiammanti Saucony Triumph 12 ISO
se ne sono rimaste cautamente in branda
(come era tentato di fare chi vi scrive)
per lasciare spazio alle rodate e "smaliziate" Saucony Jazz
compagne di mille avventure e abituate ai terreni bagnati
e scivolosi.

Ma, scarpe da fantascienza a parte,
la mia StraVicenza 2015 é stata di buona soddisfazione,
conclusa in 37'35" bagnati fradici e fatta seguire 
da altri 13 chilometri di rientro verso casa:
non mi sono sentito solo nemmeno un istante visto che 
pioggia e (il mio amico) vento freddo giocherellone
(da nord - nord/est)
mi hanno tenuto costante compagnia.
In sostanza sono stati altri 23 (abbastanza)
salutari chilometri messi nel
carniere per andare a Rotterdam
 a non fare figure da chiodi....


Anche la prossima settimana si concluderà
con un pettorale spillato alla canotta,..
e sarà sempre tempo di mettere strada e voglia
nel serbatoio verso l'Olanda.


Buona settimana a tutti.



Statemi bene.

sabato 21 marzo 2015

Una StraVicenza Stirata (con scia incorporata)

Probabilmente non sarà una domenica 
luminosa e colorata
e nemmeno una giornata ideale per correre ma
non credo che molti ci faranno più di tanto caso 
domani mattina quando sarà tempo di 
inondare le vie del centro storico del capoluogo berico 
e dipingere la quindicesima edizione


Non é la tipologia di corsa che adoro e nemmeno 
il percorso cittadino mi piace granché
- anzi -
ma per una serie di circostanze più o meno casuali
domani (per la terza o quarta volta) attaccherò il
pettorale alla gialla canotta e correrò i
10 chilometri della manifestazione podistica vicentina.
Paradossalmente (ma anche no) per quanto mi riguarda la 
StraVicenza 2015 sarà sulla falsa riga della beneaugurante
__StraVicenza 2014 con scia_ (10 km + 14 km di rientro)
...
anche se magari stavolta sarò un pò meno brillante 
e un pò più bagnato e più dell'evento in sè, 
saranno più interessanti e divertenti 
il pre e post - gara, i celeberrimi primo e terzo tempo.

StraVicenza 2014

La settimana che sta finendo é stata decisamente tosta
e carica di chilometri e (normali) fatiche assortite
e domani avrà la degna conclusione:
un'altra fatica mirata a ciò che mi piacerebbe
si concretizzasse al meglio _domenica 12 Aprile a Rotterdam_
dove potrebbe accadere qualunque cosa
(ahahahahahahahahah).


Scrivere di sensazioni e aspettative mi sembra eccessivo
e fuori luogo visto che domani il tutto sarà soprattutto un
buonissimo (e divertente) allenamento in compagnia 
di tanti amici runner's.
L'occasione sarà propizia per testare a ritmi decorosi
le _Saucony Triumph Iso_ che tanto mi stanno
entusiasmando in allenamento.


Che altro aggiungere,..?

Buon sabato e occhio al battistrada,....
...
perché domani si potrebbe anche _Derapare sull'asfalto di Vicenza City_


Let's go !

giovedì 19 marzo 2015

Sarà vero Triumph (Why not ?)

E' ormai un maledetto assioma.
Risponde al sostantivo di
  strage di innocenti,
...
il luogo dove si consuma
é casuale,
...
la ferocia assassina terribilmente la medesima
del giorno prima.
Oggi é accaduto a _Tunisi_
,,,
domani speriamo non succeda:
intanto contiamo i morti e subiamo tanta
ultraterrena e vigliacca brutalità.

Avrà mai una fine tutto ciò ?


Scrivere di altro mi risulta difficile ed inopportuno
ma é anche vero che il tempo e la vita si srotolano
inevitabilmente e ineluttabilmente
tra accadimenti estremi
 piacevoli, orrendi o tiepidi.


Contrariamente a quanto ipotizzavo qualche giorno fa da
questo spazio ritagliato tra concretezza e virtuale,
la settimana in corso non é poi così placida
e tranquilla come credevo....

Martedì pomeriggio ho materializzato
l'essere Saucony Ambassador_ prendendo possesso delle
_Triumph ISO_ che provate poche ore fa
mi hanno (a dir poco) entusiasmato.

Si,..si,.....
.....io sarò anche di parte ma sfido chiunque a
contraddire la mia sensazione su un modello
di scarpa che sembra quasi delittuoso mettere ai piedi
tanto ha il confort di un comodo paio di guanti.

Un'arma in più sulla via di Rotterdam ?

Perché no ?


Triumph ISO a parte,
dopo il 31 chilometri di sabato scorso,
gli allenamenti stanno proseguendo abbastanza serrati
e - tutto sommato - di buona soddisfazione;
essendo diffidente come una faina
non mi sbilancio ed attendo sempre il
l' allenamento successivo
per capire come il mio esile impianto
muscolo-scheletrico reagirà ai carichi di lavoro
delle tre settimane a venire.


Domenica prossima i 10 chilometri della StraVicenza saranno
un altro banco di prova interessante
(in primis per dare fiato alla mia personale curiosità)
per mettere altra strada ed altra (spero alta) intensità
di corsa nelle gambe e nella testa
in ottica Rotterdam Marathon.

Così come l'anno scorso,
anche stavolta il dopo gara nel cuore del capoluogo berico
sarà rappresentato da un'altra dozzina di chilometri
da consumare sulla strada del rientro 
 inevitabilmente 
di corsa.

Bizzarro ?
Il meteo sarà _poco clemente ?_

Pazienza,.in qualche modo porterò a casa la pelle...


Buon proseguimento di settimana,..
...
a presto per il borsino delle sensazioni
pre - StraVicenza 2015.


Sara' vero Trionfo ?
.... (ahahahahah)...

Let's go !!!

domenica 15 marzo 2015

Coming soon....su asfalto olandese: - 27

Onore e complimenti a tutti gli impavidi concorrenti
- fenomeni e non -
che ieri hanno materializzato la quinta edizione
che da quanto riportano cronache, commenti, servizi fotografici
e sussurri di amici partecipanti
ha avuto il successo che merita.


Ieri pomeriggio,
giusto per vedere da vicino il cuore del Trail sopracitato,
ho confezionato il mio allenamento lunghissimo 
calpestando un complessivo di 31 chilometri 
andando a sfiorare Piazza dei Signori e Piazzale della Vittoria 
in quel del capoluogo berico.


Nonostante non ami particolarmente le strade di città
- e ancora meno l'impianto viabilistico che conduce a Vicenza -
sono rimasto soddisfatto dalle due ore abbondanti corse a ritmo
"giusto morigerato" (ma anche no)
che dovrebbero costituire il lasciapassare ideale
verso i 42 chilometri in terra olandese del mese prossimo.
Ho ricavato buoni sussurri da gambe, cervello e 
distretti muscolo-scheletrici vari
e credo che a Rotterdam venderò cara la pelle....
....
..o almeno ci proverò.


Transitando per Campo Marzio e Viale Roma
ho oltrepassato una variopinta muraglia umana
che mi ha particolarmente sorpreso.
Solamente alla sera ho appreso che c'era stato
il comizio del politico di turno calato in città
ad ammaestrare le folle in vista delle elezioni di fine maggio.


Vi risparmio altre considerazioni sull'argomento
"ammaestrare le folle"
perché ne avrei da restare qui fino a notte fonda
e non mi pare il caso.


Domani inizia una nuova settimana e sarà l'ennesima condotta
al galoppo e ricca di ogni cosa,
densa di impegni, pensieri e mille sussulti:
mi porterà sparato alla (non amata ma classicissima)
 _Stravicenza 2015 che a sua volta tirerà la volata alla 
_@Dieci Miglia Maladense_ della domenica successiva...
....
ecc.ecc.....


...
..una cosa alla volta, please.


Buona settimana a tutti.
A presto.

venerdì 13 marzo 2015

Ciao Linda

Ho scorso velocemente le notizie d'agenzia delle ultime ore
e molte riguardano ancora (troppe) violenze su donne, bambini,
disabili oppure sono orrende "promesse di stragi" e morte: 
leggo poi della "riabilitazione" del mio odioso 
(Cassazione docet)...
...
e mi viene voglia di espatriare per sempre.

Provate voi a passare un semaforo con la luce gialla dopo 2" e mezzo.....,
e vi sbattono in galera 5 o 6 anni.

Ma sono le mie solite e noiose riflessioni 
che hanno il senso che hanno 
e che non cambieranno di una virgola 
il corso degli eventi passati e di quelli futuri.
Il senso di schifo però 
- per l'ingiustizia subita e quella auto-alimentata -
aumenta esponenzialmente con il
passare dei giorni.


Sarà un post molto breve perché di cose scintillanti da
raccontare non ne ho molte visto che anche questa settimana
é stata ruvida/faticosa quanto bastava:
tuttavia il bilancio é positivo perché oltre ad aver incasellato
un paio di allenamenti a cui tenevo in maniera particolare,
oggi ho avuto il pregio di "conoscere" 
un professionista della salute
dai tratti gentili, educati oltreché assai competente nel proprio lavoro.
Per ovvie ragioni non posso farne qui menzione
ma lo sfarfallio derivante dalla sua gentilezza e disponibilità 
materializzano con forza una splendida sensazione 
che mi sta facendo davvero un gran bene.

Grazie.


Negli ultimi cinque giorni mi sono dilettato a dribblare
il maggior numero di imboscate possibili
......
e a mettere insieme un _un buon (mezzo) Fartlek_ 
(come non accadeva da un pò di mesi)
e soprattutto una velenosa ma affascinante
serie di ripetute sui 1000 metri senza badare a spese
( 10 x 1000 m, ..........
.....conditi da un sereno "o la va o la spacca").


Non ho spaccato niente né ho inventato ritmi sovrumani
ma ho tratto una parte di quella fiducia - tranquillità
indispensabili per attaccarsi un pettorale alla canotta
e provare a varcare il traguardo di una maratona.....
.......
....già perché fra trenta giorni sarò qui a raccontare 
dei come e dei perché della _mia Maratona di Rotterdam_


Nei prossimi giorni farò il possibile
per concretizzare l'allenamento lungo pre-quarantadue chilometri
- tanto detestato ma determinante -
prima delle corse (spero-veloci) 
dei prossimi due fine settimana.
.....
Il pensiero stasera va anche a tutti coloro che domani si 
cimenteranno lungo i 65 chilometri
 bellissimo Trail interamente in terra vicentina 
assaporato nell'edizione 2013 in versione TwinTeam;
impossibile scordare le lunghe salite e le discese fra pietraie,
fango e tratti di sterrato difficili da interpretare.
......
Impossibile scordare la partenza e l'arrivo nella cornice mozzafiato
di Piazza dei Signori in pieno centro storico a Vicenza.


Purtroppo le ultime righe di questo spazio 
sono tutte in ricordo della sfortunata triatleta italiana
_Linda Scattolin_ deceduta la scorsa notte 
all'ospedale di Cape Town dov'era ricoverata in seguito
ad un grave incidente in cui era stata coinvolta 
durante un allenamento qualche giorno fa.

Poco da dire, nulla da scrivere.


Ciao Linda,..
.....da oggi correremo tutti un pochino
anche per te.



domenica 8 marzo 2015

Mimose e chilometri: 35 albe allo sgancio.

8 marzo, Festa delle donne,.. tanti auguri e punto.

merita il massimo rispetto e considerazione
e come molte altre "ricorrenze" dovrebbe essere
idealmente e materialmente
perpetuata tutti i giorni dell'anno
invertendo una rotta maldestra diventata quotidianità.
La prima efferatezza che mi viene alla mente
é la violenza (sempre) gratuita e (spesso) impunita sulle donne
seconda come crudeltà solamente alla violenza sui bambini:
entrambe degne solo del patibolo.

Non vado oltre per non terminare 
addosso al muro dell'infinito perché sono 
troppe le considerazioni e i discorsi amari che da
tantissimo (troppo) tempo vengono fatti 
invanamente sull'argomento.

Mi sono particolarmente piaciute le parole spese oggi
dal quel grand'uomo di Papa _Francesco I_ :
sarebbe fantastico se un pò tutti facessimo un sano
copia - incolla
delle sue semplici ma non banali considerazioni. 

Rispetto innnzitutto.

A trent'anni dalla mitica incisione di 
il mondo continua ad invocare solidarietà ovunque
e ad ogni livello:
rispetto a trent'anni fa é aumentata a dismisura 
 la feroce determinazione delle molte lobby economiche,
degli integralismi pseudo-religiosi e 
della nostra media-mondiale chiusura 
nei confronti di chi da solo
non ce la fa.

Non ho scritto media-mondiale  per errore
ma per la semplice consapevolezza che ci sono dei
meravigliosi atolli di generosità e partecipazione
che rendono
- anche la vita difficile - 
degna di essere vissuta:
la "piccola-grande" moltitudine di persone
presenti l'altra sera in aula consiliare a Villaverla
- in occasione della presentazione del gemellaggio fra il suddetto Comune
e la Fondazione Città della Speranza -
é uno degli atolli di voglia di stare dalla parte di chi
che ogni tanto può darci morale ed ossigeno.

Grazie a tutti gli intervenuti all'evento.


Il tempo scorre rapido e imperterrito
e al termine di una quindici giorni assai impegnativa
la quantità di giorni che mi 
si sta assottigliando in maniera impressionante.
Gli allenamenti presenti sulla mia personale
(e segreta) "nota spese"
- pur fra un paio di capriole non desiderate -
si stanno susseguendo con discreta soddisfazione
...
e scrivo discreta soddisfazione perché
il giorno che mi allenerò con ottima soddisfazione
probabilmente appenderò le scarpette al fatidico chiodo.


Tutto sommato le prossime tre settimane
dovrebbero essere più malleabili delle ultime due
vissute fra molti impegni di lavoro e 
troppi altri impegni assortiti:
nella prossima decina di giorni dovrei correre 
il celebre lunghissimo pre - maratona
(vedrò quando, come e dove)
oltreché partecipare ad un paio di gare fortemente allenanti 
e di sicuro e garantito interesse
 rispettivamente
competizioni di 10 e 16 chilometri in calendario
il 22 e il 29 marzo).


Si,...marzo sarà un buon mese,..
degno precursore di un aprile mai visto prima.


A molto presto.

Buona settimana a tutti.

(Let's go !)

lunedì 2 marzo 2015

No matar al mensajero,...ossia: ambasciator non porta pena. O no ? Vamonos Saucony !!!

_SAUCONY _
Ambassador Project

Il Progetto Ambasciatori Saucony nasce nel 2005:
 nel 2015, quindi, festeggia i 10 anni di attività.
Lo scopo è quello di promuovere la conoscenza di Saucony e far innamorare della corsa quanta più gente possibile.
Quali caratteristiche deve avere l'ambasciatore ideale? Deve saper trasmettere, e condividere con gli altri, la sua passione per il running, la conoscenza del prodotto e creare gruppo.
Età e prestazioni non hanno importanza: contano capacità comunicative, passione e carisma.
Sulla base di questi requisiti, sono i migliori rivenditori Saucony a segnalare all'azienda gli Ambasciatori.
.....


Anche nel 2015 l’appuntamento sarà alla Maratonina dei Dogi, giunta alla sua 18 ma edizione: nell'incantevole scenario della Riviera del Brenta, immersi tra ville venete e a pochi km da Venezia, gli Ambasciatori di tutta Italia si ritroveranno per condividere assieme ai migliori atleti Saucony una due giorni di sport e vera amicizia
.
E io cosa c'entro con tutto questo vi starete chiedendo ?
Mah,....un pò sono ancora stupito della bella proposta fattami dall'amico
Lucio (PURO SPORT Zanè),
un pò l'interessamento nei miei confronti del marchio Saucony
(Marco Boffo docet)
mi riempie di soddisfazione lasciandomi incredulo.


Ma tranquilli,....
l'essere Ambassador Saucony 
cambierà zero nelle mie abitudini di scrivano,
di uomo e di podista,..
Magari qualche volta vi racconterò di questo o quel prodotto 
rigorosamente Saucony
ma ben lungi dalle mie intenzioni
(e di coloro che me l'hanno proposto)
quello di snaturare il mio modo di essere a 360 gradi.

Ambasciator non porta pena,....o no ?


 Ambasciatore o no,....il fiato caldo di Rotterdam
sta facendosi sentire e come in moltissime altre occasioni,
anche stavolta sento che  il 12 Aprile non sarà affatto
un giorno come un altro.


Statemi bene,.....l'ambasciatore passa e chiude
(roba da matti).


domenica 1 marzo 2015

I 40 giorni più lunghi di sempre.

Fa sempre una certa sensazione starsene a letto in una domenica in cui
tanti amici podisti hanno infilato scarpe e canotta e si sono avventurati 
in una delle maratone più suggestive della nostra regione.

Anche quest'anno la Maratona di Treviso
ha regalato mille emozioni, pensieri e fatica a chi ha avuto
la grande intuizione di correrla.
Per un sottile/maldestro/casuale gioco del destino
ieri mattina ho addirittura avuto la possibilità di rilevare
il pettorale di un amico infortunato
e di poter scandagliare (oggi) l'asfalto tra Conegliano e Treviso.
Mi é venuta l'acquolina in bocca sono sincero.....
ma....
impegni di lavoro difficilmente derogabili
mi hanno fatto desistere dalla "pazza" idea:
sarebbe stato un bel colpo......no ?


Il mirino é già assestato oltre i prossimi 39 giorni
e l'importante sarà arrivare il più possibile "integro"  
in quel di _Rotterdam_ domenica 12 aprile
...

Oggi però é tempo soprattutto di fare i complimenti a quanti hanno 
corso e faticato lungo i bellissimi 42195 metri in terra trevigiana
 - Fulminei/Fulminee e non _, veterani ed esordienti,
top runners e neofiti,....
....
e di lasciar galoppare pensieri ed aspettative per 
quello che verrà (podisticamente scrivendo) al termine
dei prossimi incandescenti 40 giorni.

I miei allenamenti proseguono al ritmo che mi 
ero proposto a fine gennaio e le quattro settimane a venire saranno
decisive e divertenti in prospettiva Rotterdam Marathon:
me le voglio immaginare scoppiettanti e con un finale a sorpresa
perché lo spirito é quello di chi correrà l'ennesima 42 chilometri
come fosse la prima ed ultima.
.....
Interessante (e superlativo) sarebbe stare bene fisicamente
perchè (quasi) tutto il resto é appeso al filo
dell'imponderabilmente concepito.

Incrociamo le dita, testa bassa e pedalare.
Semplice.


Scorrendo distrattamente i canali televisivi oggi pomeriggio,
ho incrociato la sintesi della spettacolare partita di rugby
tra _Scozia e Italia_ giocata ieri ad Edimburgo e che ha visto
il (quasi) storico successo degli azzurri:
impressionante l'agonismo profuso in campo dagli erculei atleti
e altrettanto impressionante la muraglia di (educatissimi) tifosi 
assiepati nello splendido stadio scozzese.
Educati e sportivi quasi come quelli di casa nostra
 o quelli di (ops..!) Rotterdam....
...
..dove ogni avvenimento é un pretesto per spaccare nasi e devastare
vetrine, negozi e monumenti.


Chiudo queste poche righe tributando la giusta menzione al 
"nostro" spettacolare _Daniele Meucci_ che nella notte
ha corso ad Otsu (Giappone) la maratona di Lake Biwa
giungendo secondo (2h 11' 10'') dietro al keniano
 Samuel Ndungu vincitore in 2h 09' 08''.

Chapeau, Daniele,.....
...il meglio deve ancora arrivare !!!




Statemi bene e buona settimana a tutti.

A presto.