Visite

sabato 18 aprile 2015

Rotterdam, il tour d'Europa e il venerdì 17: quando VAMONOS non basta.

Non credo riusciro' a scrivere tutto quello che ho vissuto, sentito e provato
negli ultimi sette giorni perché sono accadute
cose di (quasi) ogni genere.
La maratona dell'incredibile, una passeggiata sui cieli d'Europa e 
la serata di presentazione di Alberto Race 2015
non potranno essere racchiuse in poche righe battute su
una misera tastiera di pc.

Il destino ci ha messo molto di suo
un pizzico di scalogna anche
e "l'andare come deve andare"
ha fatto tutto il resto.


Sabato scorso ero rimasto all'attesa
 curioso-spasmodica
(attaccata al nulla)
della mia quarantaduesima maratona
e che domenica stavo per avere il grande privilegio di correre
sulle affascinanti strade di Rotterdam.


Ebbene, sua maestà
- la 35^ Rotterdam Marathon -
baciata da un sole limpido e caldo,
sostenuta da un pubblico enorme - fantasmagorico
lungo tutti i 4219500 centimetri del percorso
e squassata da un vento terrificante
(da sud, est, ovest e nord)
mi ha preso in pugno e ha fatto dello scrivente ciò che ha creduto:
mi ha coccolato,
intortato, ammaliato, ingolosito,
illuso, scardinato e infine condotto per mano
sino alla linea del traguardo sul Coolsingel di Rotterdam City.

Tracciato fantastico e veloce: confermo e sottoscrivo.


Analizzare la maratona di sei giorni fa adesso
 é abbastanza facile
e tutto sommato utilizzo la filosofia a me più cara...
e cioè quella del bicchiere mezzo pieno.

Partito dalla griglia dei podisti "veloci"
(il famoso Pen C)
ho corso sui miei ritmi consueti sino al 30mo chilometro
pur lottando e subendo il fastidio di un vento che arrivava da ogni dove
ma che apparentemente non sembrava incidere sulla
mia meccanica di corsa e nemmeno su quelli che erano
i miei progetti di gara.


Poi, nel giro di poche centinaia di metri,
- tra il 33 mo e 34 mo chilometro -
la legge della maratona é venuta a farmi visita senza che nemmeno
me ne accorgessi:
 i tratti del suo volto erano gentili e suadenti,
era ben vestita e giurerei profumasse di zenzero e cannella...

Recava in mano un foglietto 10 cm x 15 cm.

Lì per lì non ho compreso cosa volesse da me,..
..
ma in breve ho afferrato il concetto:
mi era venuta a portare il conto da pagare
 ad una parte di gara dispendiosa e in cui
le mie riserve energetiche erano andate
esaurendosi completamente.

Transitato al 35mo chilometro in 2h24'50''
(perfettamente in linea con quanto speravo)
in pochi minuti ho perso aderenza con la realtà  e con essa
totalmente smarrito la forza delle gambe.

Il faro che sino a quel momento mi stava indicando
la strada da rosicchiare ei chilometri da oltrepassare
si é spento quasi del tutto:
la voglia di contrastare la fatica e lo zero birra in corpo
mi hanno indotto a fare quattro conti
per tentare di arrivare al meglio alla fine:
...
così ho attinto a piene mani
dalla saccoccia dell'esperienza e mi sono detto....
....
"..vecio,......
..rallenta, respira bene e tieni un passo
che ti permetta di giungere al traguardo tutto intero...."

E tutto intero _sono arrivato_
con un tempo finale di 2h 57' 40'' che per
come si era messa la corsa
é stato un qualcosa di sublime.

Il VAMONOS qui ci sta proprio tutto,....credetemi.


Correre la maratona é un'esperienza straordinaria,
comprenderne i meccanismi ed
evitarne (per quanto possibile) i trabocchetti é invece impossibile.
Oltrepassare il traguardo poi,
é sempre un grandioso risultato.


L'immediato post-maratona é stato tranquillo e sereno
- tra connessioni comunicative e telefoniche impossibili -
e cena da dei simpatici argentini specializzati in piatti di carne alla brace.
Lunedì mattina all'alba il programma avrebbe previsto il rientro in Italia
"sulle ali" della tratta aerea
Rotterdam - Monaco di Baviera - Verona Villafranca...

...
...

ma ho scritto "avrebbe previsto" non a caso visto che
gli amiconi - in vena di super-scherzi -
dell'aereoporto di Rotterdam,
nel momento in cui ho esibito i biglietti aerei per l'imbarco
per poco non si sono ribaltati dalle risate:
"the ticket is not good, you can not go up .."
che più o meno significava che con i nostri biglietti aerei
avremmo potuto al massimo giocare a tresette.
..
"Problemi tecnici, problemi del sistema,....non sappiamo..
...intanto restate a terra: grazie.
Arrivederci"



Non sapevo se saltare sul banco del check-in e gonfiare di manrovesci la simpatica addetta,
oppure disseminare l'aereoporto olandese con quei
dieci - dodici chili di esplosivo
(che porto sempre con me per gli imprevisti)
e ridurlo ad una desolata tundra siberiana....


...ma anche lunedì mattina
(come sempre accade)
gli infiniti occhi color lino
di Rachele mi hanno indotto a soluzioni meno cruente e
in poco meno di due ore e mezzo eravamo seduti al
Panoramic Cafè dell'aereoporto di Amsterdam
(dopo un tragitto di trequarti d'ora in treno)
in attesa del volo per Venezia previsto in serata.

Punto,...non racconto altro.

Voglio solo regalarvi gratuitamente un paio di consigli;
se e quando dovrete viaggiare cercate di evitare
aerei in carico alla British_Midland_International....(Lufthansa di seconda serie)
 - BMI -
perchè avreste buone possibilità di farvi il viaggio in treno
e girare l'Europa a mendicare un biglietto
(e un aereoporto) per tornare casa.

Ah,..dimenticavo.....: a mendicare un nuovo biglietto
aereo dopo averne regolarmente già regolarmente
acquistato uno.


e di ieri sera che cosa raccontarvi ?
...
Che AlbertoRace 2015 é ufficialmente nata
grazie alla voglia di continuare a perseguire un sogno
e grazie al sostegno di Fondazione Città della Speranza
e Comune di Dueville ?

Che Erica B. ha condotto in maniera magistrale la serata nelle parti
che avevamo concordato
lasciandomi sbalordito per l'ennesima volta
dopo anni che bazzichiamo
"palcoscenici" insieme ?

Che Fidas, Aido, Mondo di Colori,
Dedalo Furioso sono stati attori di assoluto valore ?

Che la giovanissima Greta Visentin
- dal set di _Braccialetti_rossi a dispetto dell'aspetto
minuto ha rivelato carattere e indole spigliata e risoluta ?

E cosa dire delle perle di saggezza
regalate dal (per me mitico) _Gianni_Poli_@
spazianti fra sport, etica, maratona ed educazione civica ?



Mi sono sentito assolutamente e profondamente
 onorato di riflettere/parlare dinnanzi
a coloro che hanno voluto essere presenti al Teatro Busnelli
...
e l'unica piccola/grande amarezza é stata il constatare
- ancora una volta -
come troppa altra gente poteva esserci ma non c'era:
è vero che c'erano altri eventi concomitanti
(peraltro aggiuntisi all'ultimo momento)
....
ma mi dispiace davvero tantissimo che molti si siano
persi una così bella serata
in cui si é assaporato il sapore e
 il gusto vero di Alberto Race..
....
....perchè
  Alberto Race è ogni giorno.


Statemi bene e a presto,....
....
perché ci sono novità e scusate la
capricornesca presunzione ma......
....
...la ultima maratona non posso
proprio correrla in 2h e 57 minuti.


2 commenti:

Anonimo ha detto...

Quanta Vita, quante emozioni...
Sei forte Edo.
'Alberto Race' è ogni respiro.

Avanti tutta perché quel sogno lo acchiapperemo! Siamo sulle strada giusta...
Ciaooo

Silvia pan

Anonimo ha detto...

...in quanto alla partecipazione, chi non c'era sebbene avrebbe potuto esserci si è perso un insieme di emozioni, sorrisi, pelle d'oca e battiti di 'vero cuore' incredibili.....pazienza......... ma il 4 settembre nessuno puó restare in panchina!

Ciao
Silvia pan