Visite

giovedì 30 maggio 2013

La vergogna di essere uomo

E' da molte settimane che avevo in programma di scrivere alcune righe
 su una tragedia sociale che esiste da sempre ma che negli ultimi anni
 pare avere assunto i connotati quasi di una pandemia a sfondo stragista; 
 mi sto riferendo ai molteplici aspetti e gradi della violenza sulle donne.
...
Alcuni mesi fa l'illuminato parroco di Lerici
(personaggio evidentemente poco equilibrato se non addirittura_"fool")
 pensò di precorrere la storia dell'umanità e sentendosi un novello profeta del buon gusto e fautore della non violenza, tirò fuori dal suo (sgangherato e mediocre) cilindro una
 @_Lettera da allucinato/disadattato che fece poi affiggere alle porte della chiesa del paese.
La #_lessi_# anch'io e rimasi sbalordito.
...
Non mi sarei scandalizzato (né avrei condannato in alcun modo) se qualcuno fosse passato
 alle vie di fatto per catechizzare l'improvvido religioso.
   ...
Cercai di andare oltre alle solite pagine di giornale
(e ai purtroppo quasi quotidiani reportage televisivi che facilmente
si prestano al sensazionalismo fine a sè stesso)
e provai a capire qualcosa in più.
...
Mi urta particolarmente i nervi la spettacolarizzazione
(al fine di alimentare businnes-share televisivo) 
perpetrata dai vari media quando si occupano in maniera 
macabramente dettagliata, di donne violentate, fatte a pezzi o deturpate da botte o acidi:
 informazione da basso medio evo,....giornalismo da mercanti.
Che schifo !
.....
 

Detesto il termine #_Femminicidio_# perché lo trovo di una violenza inaudita
ma allo stesso tempo non ho un'alternativa valida per riferire una bruttura vergognosa, insensata, gratuita, priva della minima umanità e inadatta persino alle belve più feroci e sanguinarie.
...
"Omicidio, prima causa di morte per le donne giovani (16-44 anni)... "
..così recitano i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)...
...e in Italia 124 donne sono state uccise (dal compagno/marito/congiunto) nel 2012,
 137 nel 2011
35 nel 2013 (ai primi dieci giorni di maggio).
Non so a voi, ma il tutto mi suona come un terrificante bollettino di una
(quasi invisibile) guerra cui talvolta rischiamo di fare l'abitudine.
...
No,.....no,....
...non ci si può abituare alla violenza (estrema o meno..) sulle donne
(siano esse adolescenti, giovani, adulte, anziane, bianche, nere, famose, povere,...)
perché in ogni caso essa rappresenta uno dei più osceni atti di codardia e meschinità
 che solo un altro "pseudo-essere umano" può realizzare .
...
Questa vera e propria piaga affonda le radici nella notte dei tempi
e purtroppo pare essere dovuta ad una patologica deformazione di una parte
della doppia elica del DNA maschile.
Si possono fare milioni di discorsi
(ambientali, religiosi, storici, economico-sociali)
ma in nessun caso esiste l'ombra di una spiegazione valida che giustifichi una tale
incomprensibile disumanità,
...
...tanto meno ci si può adattare al quotidiano stillicidio di vittime
 dovute ad una ferocia maledetta e infame.
...
Esiste persino una Convenzione - Istanbul 2011
ufficialmente identifica il femminicidio, lo condanna e traccia le linee guida per eliminarlo....
....
...ma fino a quando i colpevoli di tanta inconsulta violenza verranno condannati
 a pene ridicolmente miti e rimessi in circolazione
 dopo pochi mesi
 dalle loro sanguinose e vigliacche prodezze,
non vedo come la situazione possa migliorare.
...
 
 
Quando essere uomo é raccapricciante.
 

Nessun commento: